Bonus strumenti musicali 2017 - Bonus Stradivari

Pubblicato : 14/05/2017 11:55:54
Categorie : Store news Rss feed

Bonus strumenti musicali 2017 - Bonus Stradivari
AGGIORNAMENTO del 26 maggio 2017:
l’On. Raffaello Vignali ci comunica che il fondo del Bonus Stradivari 2017 è stato completamente utilizzato; pertanto non potranno più essere accettate ulteriori richieste.


L'Agenzia delle Entrate, con il 
Provvedimento del 14.03.2017, ha definito le modalità attuative del contributo, e con la Circolare 6/E del 31.03.2017 ha fornito alcune importanti precisazioni in merito al bonus (introdotto l'anno scorso con la Finanziaria 2016 e riproposto quest'anno) precisando che rispetto all'anno scorso si differenzia per la più amplia platea dei soggetti beneficiari, e per la diversa misura dello sconto. Vediamo insieme come funziona il bonus.

Gli studenti dei conservatori e dei licei/istituti di musica pareggiati, che acquistano nel 2017 uno strumento musicale, hanno diritto ad un contributo pari al 65% del prezzo di vendita, per un massimo di 2.500 Euro. Il contributo viene erogato come sconto sul prezzo di vendita praticato dai rivenditore.

A chi aspetta il contributo?
Il contributo spetta agli studenti iscritti e in regola con il pagamento delle tasse e contributi dovuti all’Istituzione, nell’anno accademico 2016-2017 o 2017-2018, ai licei musicaliai corsi preaccademici, ai corsi del precedente ordinamento, ai corsi di diploma di I° e II° livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica ex art. 11 DPR 212/2005, di cui all'Allegato 1 al Provvedimento del 14.03.2017.
Lo scorso anno, invece, potevano accedere al bonus solo gli studenti iscritti ai corsi di strumento del triennio e del precedente ordinamento dei conservatori di musica e degli istituti musicali pareggiati.

Cosa posso acquistare con il contributo?
Il contributo è concesso per l’acquisto di un solo strumento musicale:
  1. nuovo
  2. coerente con il corso di studi cui è iscritto lo studente. Il collegamento tra il corso e lo strumento deve essere desunto dall'Allegato 2 del provvedimento del 14.03.2017.

Il contributo spetta una sola volta, anche in caso di acquisto di un singolo componente dello strumento (esempio "piatto della batteria"), ma non compete per l'acquisto di beni di consumo, come ad esempio corde o ance.Il contributo si applica agli acquisti effettuati nel 2017, per un importo non superiore al 65% del prezzo finale e, comunque, in misura non eccedente 2.500 Euro, nel limite complessivo dello stanziamento di spesa di 15milioni di euro.Tale importo deve essere ridotto dell'eventuale contributo fruito per l'acquisto di uno strumento musicale nuovo nel 2016. Per non creare disparità di trattamento tra coloro che hanno già usufruito del contributo nel 2016 e quelli che vi accederanno per la prima volta nel 2017, coloro che hanno già fruito del bonus nel 2016 potranno accedere all'agevolazione anche nel 2017, ma al netto dell'importo già riconosciuto lo scorso anno.

Poiché il contributo è erogato nei limiti delle risorse stanziate, l'agevolazione è concessa in base all'ordine cronologico delle richieste comunicate dai rivenditori.

Cosa devo fare per richiederlo?
Per accedere al contributo, richiedi al conservatorio o all’istituto musicale pareggiato, che è tenuto al relativo rilascio, un certificato d’iscrizione, in unica copia non ripetibile, da cui risulti finalità, cognome e nome, codice fiscale, corso, anno di frequenza, indicazione dello strumento musicale coerente con il corso di studi.

Il certificato attesta la sussistenza dei requisiti per fruire del contributo, indica lo strumento agevolabile, e va consegnato al rivenditore al momento dell’acquisto.
Lo studente deve conservare, a fini di eventuali controlli, la fattura o lo scontrino fiscale rilasciato dal rivenditore o dal produttore.










Posts correlati

Condividi questo contenuto